In primo piano

In primo piano

COVID-19: APP DI TRACCIAMENTO IN EUROPA

Del 29 Aprile, 2020

Benvenuti ad un’altra puntata de IL RISCHIO LEGALE.

Non siamo gli unici in Europa a voler implementare un’app di tracciamento.
IMMUNI probabilmente avrà delle sorelle in Germania e in Francia.

Tuttavia, il dibattito in queste nazioni è addirittura più acceso che in Italia.

Buona lettura: https://www.startmag.it/innovazione/come-germania-e-francia-traballano-app-di-tracciamento-covid-19/

LA NORMATIVA D’EMERGENZA ITALIANA È COMPATIBILE CON L’ORDINAMENTO EUROPEO?

Del 24 Aprile, 2020

Benvenuti ad un’altra puntata de IL RISCHIO LEGALE.

L’art. 14 d.l. 9 marzo 2020, n. 14 ha introdotto un regime derogatorio alla disciplina di tutela della privacy, destinato ad operare sino al termine dello stato di emergenza.

Ma questo regime derogatorio è compatibile con la normativa sovranazionale europea?

Numerosi sono i dubbi circa la sua compatibilità con l’articolo 52 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, il quale indicata i confini entro i quali è possibile limitare i diritti riconosciuti da suddetta Carta, e pertanto anche il diritto alla protezione dei dati personali.

Vi invitiamo alla lettura di questo interessante contributo.

TUTTO PRONTO PER L’APP ITALIANA ANTI COVID, MA IN OLANDA È GIÀ DATA BREACH!

Del 22 Aprile, 2020

Benvenuti ad un’altra puntata de IL RISCHIO LEGALE.
Sono molti i Paesi, oltre all’Italia, alle prese con la scelta della tecnologia più adatta per il tracciamento dei contagi. Proprio in questi giorni, una delle applicazioni proposte al governo olandese, Covid19 Alert!, ha subito un “data breach”, cioè una esposizione di dati.
Stando a quanto scrive il quotidiano DeStandard, circa 100-200 nomi, e-mail, password criptate sono state rese pubbliche.
Pensate che possa succedere anche all’app italiana Immuni?
Buona lettura: clicca qui.

Webinar: privacy e lavoratori ai tempi del COVID-19

Del 21 Aprile, 2020

È con piacere che condividiamo il webinar di Unismart-Fondazione dell’Università degli Studi di Padova, dal titolo Privacy e lavoratori ai tempi del COVID-19 (23 Aprile ore 15.00) che vedrà come relatrice l’avv. Manuela Soccol. I temi affrontati saranno i seguenti: Smart working, trattamento dei dati dei lavoratori, utilizzo degli strumenti personali per lavoro (BYOD), controllo dei lavoratori in tempo di emergenza epidemiologica.

La partecipazione è gratuita, previa iscrizione a questo link: https://www.unismart.it/updgrade/

L’UTILIZZO DELL’APP IMMUNI PER TRACCIARCI È ALLE PORTE: MA È STATA FATTA LA VALUTAZIONE DI IMPATTO?

Del 20 Aprile, 2020

Benvenuti ad un’altra puntata della rubrica IL RISCHIO LEGALE.
L’art. 35 del GDPR stabilisce chiaramente che quando un trattamento, comportante l’uso di nuove tecnologie, presenta un rischio elevato per i diritti e le libertà delle persone fisiche, allora è necessario effettuare una valutazione di impatto (DPIA), prima di iniziare il trattamento medesimo.


L’app Immuni, che il Governo vorrebbe utilizzare per la gestione della fase 2, comporta senza dubbio elevati rischi per i nostri diritti e le nostre libertà (posto che si tratta di un’app di tracciamento).


Ma il Governo ha effettuato la valutazione di impatto? ANCORA NO!
Vi invitiamo alla lettura di questo interessante articolo dello stimato Avv. Bolognini sul tema.