In primo piano

In primo piano

SUBRESPONSABILE DEL TRATTAMENTO? ATTENZIONE ALLE SANZIONI!

Del 25 Febbraio, 2021

Benvenuti al nostro consueto appuntamento con IL RISCHIO LEGALE.
Spesso nel lavoro di consulenza che svolgiamo, abbiamo modo di incontrare Responsabili del Trattamento e Sub-responsabili, che purtroppo non percepiscono esattamente la portata dei loro obblighi in campo privacy.
A tal proposito, è di pochi giorni fa la notizia che la CNILL ha sanzionato un Responsabile del Trattamento e il suo subappaltatore per non aver adottato misure soddisfacenti, per affrontare gli attacchi di credential stuffing sul sito web del relativo Titolare del Trattamento.
A quanto ammontano le sanzioni? A ben 150.000 euro per il Responsabile e 75.000 euro per il Sub-responsabile.
Se avete dubbi sulla vostra funzione di Responsabile o Sub-responsabile del Trattamento non aspettate la sanzione, ma rivolgetevi prima ad un legale esperto nel settore.

Per approfondire: clicca qui.

SI TORNA FINALMENTE A PARLARE DI E-PRIVACY!

Del 11 Febbraio, 2021

Benvenuti al consueto appuntamento con IL RISCHIO LEGALE.
Ve lo ricordate il Regolamento e-privacy? Quel Regolamento complementare al GDPR, il cui scopo è assicurare la riservatezza, la sicurezza delle comunicazioni elettroniche e l’integrità delle informazioni contenute nei dispositivi elettronici utilizzati per comunicare? Sì, quello che sarebbe dovuto entrare in vigore l’anno scorso, ma che è rimasto solo una proposta…
Ebbene, proprio ieri è stata approvata dagli ambasciatori riuniti nel Comitato dei rappresentanti permanenti del Consiglio (COREPER) la posizione del Consiglio dell’UE sul tale Regolamento.
Con questa decisione gli Stati membri hanno concordato un mandato negoziale per la revisione delle norme sulla protezione della privacy e della riservatezza nell’uso dei servizi di comunicazione elettronica.
Le regole aggiornate definiranno i casi in cui i fornitori di servizi possono elaborare i dati delle comunicazioni elettroniche o avere accesso ai dati memorizzati sui dispositivi degli utenti.
L’accordo raggiunto ieri consentirà alla presidenza del Consiglio dell’UE di avviare i colloqui con il Parlamento europeo sul testo finale del Regolamento.
Sei pronto per le novità in arrivo?

https://www.consilium.europa.eu/en/press/press-releases/2021/02/10/confidentiality-of-electronic-communications-council-agrees-its-position-on-eprivacy-rules/

MODELLI 231: LA CASSAZIONE INTERVIENE SUL TRAFFICO DI INFLUENZA ILLECITE

Del 04 Febbraio, 2021

Benvenuti al nostro consueto appuntamento con IL RISCHIO LEGALE.
Come sapete, da anni, aiutiamo gli imprenditori a realizzare i loro progetti in totale sicurezza. Come? Beh! Per esempio, suggerendo l’adozione del Modello 231 (http://www.studiolegalesoccol.it/servizi/legal-risk-management.html).
Per la redazione di un buon Modello, è necessario stare al passo non solo con le novità legislative, ma anche con quelle giurisprudenziali.
A tal proposito, recentemente la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 1869/2021, ha ribadito un importante principio, ossia quello della continuità normativa tra il reato di millantato credito, formalmente abrogato, e il traffico di influenze illecite come riformato dalla Legge n. 3/2019 (cd. Spazzacorrotti).
Per approfondire, potete leggere il testo integrale della sentenza qui: https://issuu.com/jastin.squizzato/docs/36570381 oppure contattare direttamente lo Studio per eventuali delucidazioni.

USARE O NO WHATSAPP? QUESTO È IL DILEMMA.

Del 11 Gennaio, 2021

Benvenuti al consueto appuntamento con IL RISCHIO LEGALE.
Infuria la bagarre su #Whatsapp che da poco ha cambiato la propria #privacypolicy. I rumors dicono che tale modifica sia finalizzata a far aumentare il numero di dati personali che dall’app finisco nelle mani di Facebook, che li utilizzerebbe per la profilazione e per i suoi servizi pubblicitari.
Pare tuttavia che i cambiamenti riguardino solo gli account “business” iscritti al servizio.
Peraltro, Whatsapp in una nota ufficiale fa sapere che “non ci sono modifiche alle modalità di condivisione dei dati di WhatsApp nella Regione europea (incluso il Regno Unito) derivanti dall’aggiornamento dei termini di servizio e dall’Informativa sulla privacy”.
Che sia davvero così? Stay tuned per tutti gli aggiornamenti sulla vicenda.

EVENTO PRIVACY: RIPROGRAMMIAMO - SOLUZIONE TECNICHE ALL'INDOMANI DELL'ABOLIZIONE DEL PRIVACY SHIELD

Del 10 Dicembre, 2020

Benvenuti al nostro consueto appuntamento con IL RISCHIO LEGALE.
In questi giorni tutti parlano del cashback di Stato. Fra criticità ed entusiasmo, alcuni si sono avveduti che la app IO, utilizzata per fornire il servizio in questione, trasferisce i dati negli USA. Si è scatenata una bagarre tra esperti, programmatori, digital specialist… perché?
Perché è ancora tanta la confusione in ordine alle soluzioni tecniche implementabili – a protezione dei dati personali – a seguito dell’abolizione del Privacy Shield.
Per questo abbiamo organizzato, per martedì prossimo, l’evento “Riprogrammiamo”: soluzione tecniche all'indomani dell'abolizione del Privacy Shield.
Se avete ancora dubbi e delucidazioni sul trasferimento dei dati personali verso gli Stati Uniti, non perdetelo e scrivete a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per partecipare

Pagina 1 di 75