In primo piano

In primo piano

PRIVACY E REDDITO DI CITTADINANZA

Del 21 Febbraio, 2019

Il meccanismo di riconoscimento del reddito di cittadinanza ''comporta trattamenti su larga scala di dati personali, riferiti ai richiedenti e ai componenti il suo nucleo familiare (anche minorenni) ai quali è riconosciuta la massima tutela in ragione della loro attinenza alla sfera più intima della persona o perché suscettibili di esporre l’interessato a discriminazioni''. Lo afferma l'Autorità garante della protezione dei dati personali, in una memoria depositata in commissione Lavoro al Senato, che sta esaminando il decreto legge.

Il trattamento dei dati personali, ''anche se effettuato da amministrazioni pubbliche e preordinato, come in questo caso, al perseguimento di motivi di rilevante interesse generale, deve essere progettato e impostato secondo i principi del regolamento europeo sulla protezione dei dati'', rileva il Garante.

Voi che ne pensate?

CODICE DELLA CRISI D’IMPRESA

Del 14 Febbraio, 2019

La riforma delle procedure concorsuali è compiuta. Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministero della Giustizia, ha approvato in via definitiva lo schema del D.Lgs. 10/01/2019 sul Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza in attuazione della Legge delega 19 ottobre 2017, n. 155.
Il nuovo Codice si propone l’obiettivo di:
• riformare in modo organico ed unitario la materia delle procedure concorsuali e della crisi da sovraindebitamento;
• semplificare il sistema normativo nel suo complesso, al fine di superare le difficoltà applicative oltre che interpretative derivanti dalla formazione di indirizzi giurisprudenziali non consolidati e contrastanti;
• soddisfare l’esigenza di certezza del diritto e migliorare l’efficienza del sistema economico in modo da renderlo più competitivo.

NUOVA LEGGE ANTICORRUZIONE (L. 3/2019)

Del 11 Febbraio, 2019

Il 31 gennaio, è entrata in vigore la Legge 9 gennaio 2019, n. 3 con "Misure per il contrasto dei reati contro la pubblica amministrazione, nonché in materia di prescrizione del reato e in materia di trasparenza dei partiti e movimenti politici”, pubblicata in Gazzetta ufficiale il 16 gennaio u.s.
Il provvedimento introduce rilevanti novità in materia di responsabilità degli enti. Sotto questo profilo, risultano di particolare interesse la riforma del traffico di influenze illecite (art. 346-bis c.p.) ed il suo inserimento tra i reati presupposto "231”.
Diviene inoltre effettivo l’aumento di durata delle sanzioni interdittive nei confronti dell’ente per i reati contro la P.A. contemplati dall’art. 25 del Decreto 231.

WHISTLEBLOWING: A.N.AC. RILASCIA UN SOFTWARE GRATUITO PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI NELLA P.A.

Del 07 Febbraio, 2019

Uno strumento in più - certificato A.N.A.C. - per conformarsi alla disciplina del whistleblowing è a disposizione direttamente sul sito della suddetta Autorità. Il 15 gennaio 2019 il Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone, ha infatti comunicato il rilascio di una applicazione informatica, denominata “Whistleblower”, utilizzabile per gestire le segnalazioni di illeciti da parte di pubblici dipendenti. Sarà così possibile, tramite questa piattaforma, compilare la segnalazione e inviarla al suo destinatario, il quale potrà quindi agevolmente riceverla e acquisirla.

Tale programma consente alla Pubblica Amministrazione da un lato di garantire la riservatezza del soggetto segnalante, dall’altro di adeguarsi all’art. 54 D.Lgs. 165/2001, così come modificato dalla L. 179/2017, e alle Linee Guida A.N.AC. di cui alla Determinazione n. 6/2015.

LEGITTIMO IL LICENZIAMENTO DEL DIPENDENTE AGGRESSIVO

Del 04 Febbraio, 2019

A dirlo (anzi ribadirlo) è la Corte di Cassazione con l'ordinanza n. 611/2019. Essa ritiene che sia legittimo il licenziamento del dipendente aggressivo, e respinge il ricorso del lavoratore. A poco è valso per il dipendente il tentativo di giustificare il proprio comportamento, sostenendo di aver semplicemente reagito a condotte mobbizzanti.

Per approfondire:clicca qui.

Pagina 1 di 55